UNA GALLERIA PIENA DI RICORDI

Il 26 Luglio 1874 il Municipio di Genova dichiarò di pubblica utilità il progetto per la costruzione d’una galleria che unisse l’ingresso del teatro dell’opera Carlo Felice alla piazza Corvetto che, per la verità, ancora non esisteva. Per rendere fattibile il progetto fu necessario non solo lo sbancamento d’una parte della collina di Piccapietra e lo sterro d’un tratto del parco dell’ Acquasola, ma anche la totale distruzione di due chiese, quella dedicata a San Sebastiano con annesso convento e quella di San Giuseppe con l’annesso conservatorio, la cui memoria resta in sito nei toponimi. Galleria ” Mazzini ” nacque dunque come una strada pedonale con una copertura di vetro e metallo, posta tra due file di palazzate parallele alla via Roma, l’ingegnere progettista della struttura fu Giovanni Argenti che la concepì come un ” passage de Paris” , sua caratteristica peculiare fu d’avere negozi alla moda e bellissimi locali, soprattutto caffè e ristoranti eleganti come il “caffè Roma” ed “Il Viennese ” centro d’aggregazione di artisti, poeti ed intellettuali. Oggi la galleria Mazzini é una pallida sinopia di quello che era e rappresentava, un restauro iniziato in tempi biblici e mai terminato la avvilisce e la carenza d’illuminazione la rendono cupa e triste, eppure io ricordo che ancora negli anni ’60 del secolo scorso era ancora bella, c’era la boutique Liz, Guido Oliva con i suoi francobolli rari, Bertani con i suoi splendidi mezzeri, Savinelli con le sue pipe capolavoro, Ettore Paganello con i vestiti di Simon Akerman, l’ Abolaffio signora della moda al femminile, Cabib con i suoi bei tappeti e tanti altri che non sono più, era un posto così bello da ispirare poesie come quella di Aurelio Valesi che scriveva nel 1969:
Mia cattedrale laica
tu Galleria Mazzini
trovavo i miei confini
nelle tue opacità.
Sotto le tue vetrate
cercavo un dio sicuro
il mio domani oscuro
perdeva la sua età.
Ai tavolini fuori
anche quando pioveva,
la verità sapeva
la nostra verità.
Sei stata una memoria
di giorni non vissuti
sognati e non avuti:
piccola eternità.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...