OMAGGIO ALLA “CIMA”

CIMA

….Bell’oueggé strapunta de tuttu bun
prima de battezàlu ‘ntou prebuggiun
cun dui aguggiuin dritu ‘n punta de pé
da sùrvia ‘n zu fitu ti ‘a punziggé
àia de lun-a végia de ciaeu de négia
ch’ ou cégu ou pèrde ‘a tèsta l’ ase ou senté
ondù de ma misciòu de pérsa légia
cos’ atru fa cos’ atru dàghe a ou cé.
Ce serén tèra scua
carne tenia nu fàte néigra
nu turna dua
e nt’ ou nùme de Maria
tutti diài da sta pugnatta
anène via….

( da ” A CI’MMA ) di Fabrizio De Andrè )

traduzione per i Foresti ( forestieri ) :
Bel guanciale materasso d’ ogni ben di Dio
prima di battezzarla nelle erbe aromatiche
con due grossi aghi dritto in punta di piedi
da sopra a sotto svelto la pungerai
aria di luna vecchia di chiarore di nebbia
che il chierico perde la testa e l’ asino il sentiero
odore di mare mescolato a maggiorana leggera
cos’ altro fare cos’ altro dare al cielo.
Cielo sereno terra scura
carne tenera non diventare nera
non ritornare dura
e nel nome di Maria
tutti i diavoli da questa pentola
andate via……

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...