L’ALLUME.. NEL MEDIOEVO POTEVA FARE LA DIFFERENZA!

LAZZARO DORIA

Questa grande scultura  realizzata in marmo bianco nel’ ultimo quarto del XV secolo attribuita a Giovanni Gagini ( 1449 c. – 1506 c. ) che fu uno degli artisti d’ origine lombarda attivi a Genova nella seconda metà del 400, era la lastra tombale del monumento funebre, oggi smembrato, di Lazzaro Doria, importante personaggio pubblico  e mercante che doveva la sua agiatezza al’ allume. Nel Medioevo, l’ allume  era un prodotto molto importante di cui la Repubblica di Genova aveva una sorta di monopolio, grazie al fatto di possedere in Anatolia una colonia a Focea che disponeva di grandi riserve minerarie di questo prodotto, in pratica l’ allume,  che è un sale misto di alluminio e potassio, veniva  usato come fissante nei colori  dei tessuti e nella concia delle pelli, in medicina veniva usato invece  come emostatico. La statua, che in origine era collocata in una  cappella nella  Certosa di San Bartolomeo di Rivarolo, oggi è conservata nel museo di Storia medioevale di Sant’ Agostino di Genova.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...