MACCHINE D’ ALTARE

macchine d' altare

Nel XVIII secolo la celebrazione liturgica si modificò fino a trasformarsi in quello che fu definito come ” Theatrum Sacrum ” nel quale i fedeli sono contemporaneamente spettatori ed attori. Anche a Genova, nelle occasioni solenni, venivano coinvolti pittori, carpentieri, intagliatori, fabbri, argentieri e tappezzieri, cui era affidato il compito di creare ” Macchine d’ Altare ” talvolta di dimensioni colossali realizzate con materiali poveri quali cartapesta, legno, stucco e dipinti a sguazzo. Di questi splendidi allestimenti oltre a rare immagini, resta quasi niente se non alcuni arredi e suppellettili create per l’ occasione, il cui scopo, specie nell’ epoca “Barocca”, era quella di stupire e nello stesso tempo esaltare la grandezza della chiesa di Roma. Nella foto un altare allestito nel Museo Diocesano.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...